Come stanno le nostre città? - Energicamente

Come stanno le nostre città?

Sostenibilità Global Goals Innovazione

In quale secolo viviamo? Potremmo rispondere nel secolo urbano, visto che metà della popolazione mondiale vive in città: è qui che si concentra l’80% del PIL mondiale, che si consuma il 75% dell’energia, che si produce più della metà delle emissioni di gas serra. Ed è sempre nelle aree urbane che nel 2050 vivrà circa il 70% della popolazione mondiale.

Questi numeri spiegano perché le città sono fondamentali per il raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’Agenda 2030 e perché devono diventare laboratori open air dove promuovere, mettere in atto e condividere uno sviluppo economico e sociale sostenibile ed equo per tutti noi e per il Pianeta.

Ma come stanno le nostre città? Quali sono le più virtuose? A che punto sono nel raggiungimento dei Global Goals? E nella transizione verso modelli più vivibili, verdi, resilienti e consapevoli?

Per rispondere basta consultare l’ultima edizione di Ecosistema Urbano il rapporto annuale di Legambiente sulla vivibilità ambientale dei comuni capoluogo, realizzato in collaborazione con Ambiente Italia e Il Sole 24 ore.

Il report descrive un’Italia a due velocità: la prima più dinamica e attenta alle nuove scelte urbanistiche, ai servizi di mobilità, alle fonti rinnovabili, alla progressiva restituzione di vie e piazze ai cittadini, alla crescita degli spazi naturali. La seconda, più statica con un andamento troppo “lento” nelle performance ambientali delle metropoli soprattutto sul fronte smog, trasporti, raccolta differenziata e gestione idrica.

È possibile scaricare gratuitamente il report con tutti i dati ragionati e suddivisi per ognuno dei 17 Global Goals da centrare entro il 2030.

Oppure si può navigare la versione interattiva (visibile sul sito de Il Sole 24 ore o Legambiente) con il podio dei capoluoghi più virtuosi, che quest’anno è occupato da Trento, Mantova e Pordenone, la top 20 e le classifiche complete con tutti gli indicatori presi in considerazione.

E per chi ha bisogno di una boccata di ottimismo, ispirazione e good news, basta sfogliare le Best practices 2020: esperienze riproducibili, spesso senza spendere troppi soldi o inseguire sogni irraggiungibili, e che dimostrano che il cambiamento è possibile, anzi è a portata di mano, quando c’è davvero la voglia di creare discontinuità con il passato e di mettere in campo azioni per ridurre gli impatti ambientali e migliorare la vivibilità delle città e la qualità della vita.

Articoli correlati

News image

Guarda il webinar "Didattica per l'ambiente: Energicamente online"

E' ora online il video del webinar dedicato all'esplorazione della piattaforma Energicamente.

Leggi
News image

È nata la nuova etichetta

Da marzo 2021 l’etichetta energetica si è rifatta il look: scopri com’è.

Leggi